Valanga sul Nanga Parbat: due alpinisti polacchi feriti e in attesa di evacuazione dal Campo Base

Disastro sfiorato sul versante Rupal del Nanga Parbat: sabato pomeriggio, a quota 5000m circa, Pawel Dunaj e Michal Obrycki sono stati colpiti da una valanga mentre stavano compiendo il loro ultimo tentativo di salire il Nanga Parbat in inverno.

Stando alle prime ricostruzioni, i due alpinisti erano partiti sabato mattina per liberare le corde e le tende dalla neve quando, nel pomeriggio, una valanga li ha travolti e trascinati giù per circa 500m.

Dopo aver lanciato l’allarme via radio sono immediatamente scattati i soccorsi da parte di Tomek Mackiewicz e Jacek Telerde, gli altri due membri della spedizione, che assieme ai due cuochi Pakistani e una dozzina di persone dal paese più vicino, in 12 ore sono riusciti a riportare i due al Campo Base.

Dunaj e Obrycki hanno riportato svariate lesioni (costole rotte e un braccio fratturato per Pawel Dunaj, la rottura del naso e una gamba con lesioni per Michal Obrycki). Quel che è certo è che i due alpinisti polacchi dovranno essere evacuati in elicottero al più presto per essere ricoverati in ospedale.

Risolto un primo ostacolo burocratico, legato all’assicurazione e sembra anche alla cauzione che le spedizioni di norma depositano per questi casi, ora tutti stanno aspettando che le condizioni sulla montagna migliorino per permettere all’elicottero di effettuare il salvataggio.

Per maggior informazioni: simonemoro.gazzetta.it e il sito ufficiale della spedizione www.nangadream.blogspot.com

NANGA PARBAT IN INVERNO
02/03/2014 – Nanga Parbat in inverno: i polacchi continuano. Spedizione finita per Moro, Göttler e Nardi
12/02/2014 – Nanga Parbat in inverno: tentativo #2
06/02/2014 – Nanga Parbat d’inverno: partito il lungo viaggio verso la vetta
03/01/2014 – Ralf Dujmovits rinuncia all’invernale del Nanga Parbat
31/12/2013 – Tra le storie di alpinismo e arrampicata del 2013
28/12/2013 – Nanga Parbat, quattro spedizioni per la prima invernale

Click Here: liverpool mens jersey

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *